Saturday, November 29, 2014

La rosa e il cane

Poema perpetuo

È un'arancia ove tutto s'assembla è la grande porta in un un batter d'occhio sole o menzogna molino di innocenza sulla fronte dell'uragano orologio senza fine in vele a terra terra senza ritorno Ceneri sulle teste parole senza ricordi
di tutto un po' è l'ombra
in alto in baso è l'albero
l'acqua e il fuoco almeno
che meglio dice
estate tremula
uomo senza luogo perduta la trebisonda
memoria
il ponte insanguinato l'aria convenuta
per sempore

cosí vanno le cose delle quali non sappiamo nulla oggi di piú o doman di meno o rose o cani girate girate le tests Teste di uomini o d'alberi querce verdi  o aceri serpenti salve alla spalle dell'innocenza noi moltiplicato in sorgenti immaginarie l'acqua della menzogna sulla fronte del temporale orologio senza fine è la porta spalancata molino d'innocenza.


*

Tristan Tzara
Trad genseki
Post a Comment