Tuesday, July 05, 2016

Orazione

È un'orazione anche questo incresparsi
Di albe , di piume, di panni stesi
Di nebbia,
Ogni tuo respiro,
L'estinzione dei versanti,
Il rovescio di pioggia
Sul bosco stremato
E il disperdersi del ricordo
Di tutti questi doni.

genseki

Madre della gloria



Omelia per la dormizione della Vergine Maria

Oggi entra nelle sublimi regioni, oggi si presenta nel tempio celestiale l'unica Vergine santa, colei che con tanto sforzo coltivó la verginitá che giunse a posssederla nello stesso grado che il fuoco piú puro, posto che, mentre tutte le donne la perdono nel dare alla luce, Ella restó vergine prima del parto, durante il parto e dopo il parto.

Oggi l'arca viva consacrata al Dio vivente, Colei che portó in seno il suo proprio Artefice, riposa nel tempio del Signore, tempio non edificato da mani umane.

Danza Davide suo antenato e avo di Dio e con lui formano un coro gli angeli, applaudono gli arcangeli, celebrano le virtú, esultano i principati, si dilettano le dominazioni, si rallegrano le potestá, fanno festa i troni, i cherubini cantano lodi e annunciano la sua gloria i serafini. E non è un onore di poca importanza, posto che glorificano la madre della gloria.

Oggi la santissima colomba, l'anima semplice e innocente consacrata allo Spirito Santo, uscí volando dall'arca, ovver dal corpo che aveva generato Dio e gli aveva dato la vita, per riposare ai suoi piedi, essendo giunta al mondo intellegibile fissó la sua sede nella terra dell'ereditá suprema, quella terra in cui non si trova nessuna impuritá.

Oggi il Cielo si apre al Paradiso spirituale del nuovo Adamo nel quale siamo liberati dalla condanna, in cui è piantato l'albero della vita, coperta la nostra nuditá. Ormai non ci mancano gli abiti, non siamo privati dello splendore dell'immagine divina, non siamo spogliati della copiosa grazia dello Spirito. Ormai non ci lamentiamo piú della nuditá antica, dicendo: mi hanno tolto la tunica, come potró ponermela? Nel primo Paradiso fu aperta l'entrata al serpente, mentre noi, per aver ambito la falsa divinitá che ci prometteva, fummo comparati al bestiame. Il Figlio Unigenito di Dio stesso, che è Dio consustanziale al Padre, si fece uomo originandosi da questa terra purissima che è la Vergine. In questo modo, io che sono solo uomo, ho ricevuto la divinitá, mortale fui rivestito di immortalitá e mi spogliai della tunica di pelle. Rifiutando la corruzione mi sono rivestito di incorrutibilitá, grazia alla divinizzazione che ho ricevuto.

Oggi la Vergine Inmacolata, che non ha conosciuto nessuna delle colpe terrene, ma si è nutrita dei pensieri celestiali, non è tornata alla terra, siccome Ella era un cielo vivente, si trova nei tabernacoli celestiali. Infatti, chi peccherebbe contro la veritá chiamandola cielo? Almeno si puó dire, se si comprende bene quello he signica, che è superiore ai cieli per i uoi incomparabili privilegi. Posto che Colui che produsse e conserva i cieli, l'Artefice di tutte le cose create – tanto delle terrene come delle celestiali, che cadono o no nel nostro spazio visuale, - Colui che non è contenuto in nessun luogo, si incarnó e si fece bambino in Lei senza opera d'uomo, e la trasformó nel bellissimo tabernacolo di questa unica divinitá che contiene tutte le cose, totalmente raccolto in Maria senza soffrire nessuna passione, e allo stesso tempo stando completamente fuori, perché non puó essere contenuto.

Oggi la Vergine, tesoro della vita, abisso della grazia – non saprei come esprimermi con le mie labbra audaci e tremanti – ci viene nascosta da una morte vivificante. Ella che ha generato il distruttore della morte, la vede giungere senza timore, se morte chiamar si puó questa partenza luminosa, piena di vita e di santitá. Colei che ha dato la vita al mondo, come puó sottomettersi alla morte? Ella, peró ha obbedito alla legge imposta dal Signore e, come figlia di Adamo, soffre a sentaza pronunciata contro il adre. Suo Figlio, che è la Vita stessa, non la ha rifiutata, e quindi è giusto che lo stesso accada alla Madre del Dio vivo.
Avendo Dio detto, in relazione al primo uomo: che egli non allunghi la mano all'albero della vita e, mangiando di esso, viva per sempre. Perché non dovrá vivere eternamente colei che generó colui che è la Vita eterna e infinita, quella Vita che non ebbe inizio né fine?
(…) Se il corpo santo e incorruttibile che Dio, in Lei, aveva unito alla sua persona, è resuscitato dal sepolcro il terzo giorno, è giusto che Ella pure fosse sottratta al sepolcro e riunita con suo Figlio. Ê giusto che proprio come Lui era disceso verso di Lei, Ella fosse elevata a un tabernacolo piú alto e prezioso, il cielo stesso.

Conveniva che Colei cha aveva albergato nel suo seno il Verbo di Dio, fosse collocata nelle divine dimore di suo Figlio; cosí come il Signore disse che desiderava stare in compagnia di coloro che appartenevano al Padre, conveniva anche che la Madre abitasse nel palazzo del Figlio, nella dimora del Signre, negli atri della casa del nostro Dio. Dato che se ivi si trova l'abitazione di tutti quelli che vivono in allegria, dove dovrebbe trovarsi chi è la Causa della nostra allegria?

Conveniva che il corpo di colei che aveva conservato la verginitá senza macchia nel parto, fosse conservato dopo la morte.

Conveniva che colei che aveva tenutio in grembo il creatore fattosi bambino abitasse nei tabernacoli divini.

Conveniva che la Sposa eletta dal Padre, vivesse nelle dimore del Cielo.

Conveniva che Colei che contempló suo Figlio sulla Croce, e ebbe il cuore trafitto dal pugnale del dolore che non aveva provato nel parto, lo contemplasse seduto alla destra del Padre.

Conveniva, infine, che la Madre di Dio possedesse tutto quello che il Figlio possedeva e fosse onorata da tutte le creature.

Giovanni Damasceno
trad genseki