Tuesday, April 24, 2018

Juan Luis Panero e Luis Rosales

Juan Luis Panero


La mattina seguente Pavese non ordinó la colazione


Solo scese dal treno
Solo attraversó la cittá deserta
Solo entró nell'Hotel vuoto,
Aprí la sua stanza solitaria
E stupito ascoltó il silenzio.
Dicono che sollevó la cornetta 
Per chiamare qualcuno,
Ma è falso, completamente falso.
Non c'era nessuno da poter chiamare,
Nessuno viveva nella cittá, nessuno nel mondo.
Bevve dal vaso, con le pastiglie
E attese la venuta del sonno.
Con un po' di paura del suo valore
- Per la prima volta aveva affermato la sua eistenza -
Forse curioso, con un gesto stanco,
Sentí cadere il peso delle sue palpebre.
Alcune ore dopo, - uno strano sorriso disegnava le sue labbra -
Enunció per se stesso, testardamente,
La sola certezza che aveva acquisito:
Non avrebbe mai piú dormito da solo in una camera d'abergo.

Epitafio davanti ad uno specchio

Dura deve essere la vita per te,
Che a una strana onestá sacrificasti le tue credenze
La cui sola certezza è il tuo ricordo
E dunque la piú fatale delle tombe.
Dura sará la tua vita
Col trascorrere degli anni
Che finiranno per distruggere la patria illusoria della tua adolescenza
Quando vedrai, come oggi, il fantasma
Che un tempo ti consoló con la sua grazia.
Quando l'amore come un vestito liso
Piú non proteggerá la tua tristezza
E motivo di burla, di pietá, di stupore.
Agli sguardi piú puri diverrai.
Duro per il tuo corpo contemplare la morte del desiderio
La gioventu e tutto ció che fosti,
E cercare impassible riposo
Nella sorda tenerezza di ció che è debole,
Nella grigia distruzione che un tempo hai amato
"È legge di vita", dicono vecchi sterili,
"Che soltanto il Signore puó mutare", ripetono
Alla luce della notte, lente, inutili ombre.
Duro per te che tanto amasti il mondo
Sognando uno sgardo, una dolce carezza
Quando la farsa assurda che conosci 
Non sará piú adornata di effimera bellezza..
Dura sará la vita finché giunga l'istante
In cui vegli l'amore in questo specchio:
Le labbra fredde non avranno rifugio
E con le mani vuote abbraccerai la morte


Luis Rosales 

Egloga de la solitudine

La mia vida non so in che s'appoggi
Garcilaso

A Serafin Pro

Tutto nascendo sta: volan colombe;
Un vento lungo, teso, marino,
Alta pineta unanime e fervente,
Con tempo e con aromi
Archipelago azzurro, messaggero
Dove cessa la terra all'improvviso
E vuol farsi celeste,
Ché il limite del mondo è del mare il principio
Alta pineta con aria di cristallo
Tra l'ombra delle fronde,
Chi ti potrá obliare se ha contemplato
I toui silenti dettagli
Del tuo vivo legname presso il rio?

Trad. genseki








Sunday, November 26, 2017

David Maria Turoldo – Ballata della speranza

David Maria Turoldo – Ballata della speranza: Tempo del primo avvento tempo del secondo avvento sempre tempo d’avvento: esistenza, condizione d’esilio e di rimpianto . Anche il grano attende anche l’albero attende attendono anche le pietre tutta la creazione attende. Tempo del concepimento di un Dio che ha sempre da’... [..]

Monday, November 06, 2017

Malcolm de Chazal


Juan Eduardo Cirlot
 
Gli specchi (1962)

Si fa notte in terra e in cielo
I sentieri lontani rabbrividiscono
Ho smarrito le mani.
Torneró?
(C'era una pietra grigia, scura, all'interno
Della torre di quella chiesa dimenticata
In campagna, di inverno).

Mi sentite?

*

Mi fermo davanti agli alti muri gotici,

Guardo le mie cicatrici:

Un cavallo di gelo dorme nella nebbia.

*

Il vero mare è nero con piante grige ed è pieno di ombre oscillanti. Il suo fondo perforato è un piombo che ha perso i sigilli. Il vero mare è nero.

*

Andiamo al circolo di rose,
Alla terribile fonte bianca,
Alla terrazza melancolica;
Dove i pianeti bevono
Un accqua verde e rosata.

*

L'origine del ferro, l'origine
Del vetro
Parla nel mio cuore.
*

Laggiú crescono i ceri
Sul mondo
Crescono le acque;
Dove gli intervalli
Dove le costellazioni
Aprono le bocche bianche.

*

Grida e voci
Contro un silenzio immenso.

La spada sta nascendo nella parete.

*

I miei nemici mi combattono
I miei amici non sono miei amici;
Ci sono pezzi del mio cuore nei campi
che ancora piangono.

Le grandi torri nere
Si elevano sempre
Sotto un cielo purissimo.

*

La terra si alza e mi guarda.
Volo fino alle statue piú alte.

Si; distruggeró
Il selvaggio del bosco.

*

I resti del mio scudo, i resti
dei miei guanti azzurri,
I resti della bandiera disfatta...

I miei resti mi aspettano sotto la pioggia.


*

Sono pezzi delicati
Che mi abbandonano.
Sono scalini bianchi
Che piangono quando mi vedono.

La parete di cenere,
La porta del diamante,
Che scendono dai miei occhi
E cercano un finale.

*

Salire le scale,
Ma verso il basso.

*



 Trad. genseki

Saturday, October 28, 2017

Malcolm de Chazal


Qui déshabillerait 
La nuit 
Verrait 
Le corps de Dieu. 

*

Chi spogliasse
La notte
Vedrebbe
Il corpo
Di Dio

*

Trad. genseki

Malcolm de Chazal II

Dio 
Ci 
Guarda 
Nelle forme
Attraverso
I loro
Archetipi

*


Il grgio
Ipnotizzato
Dal bianco
Si addormenta

*

L'occhio
Dorme
Quando
La bocca 
Parla
Troppo.

L'acqua
Nella diga
Faceva gesti
Da ippopotamo

*

Lo stregone
Ê pronto
Quando
Si é stregato
Da sé.

*

Quando 
Una roccia
Muore
Non ha bisogno
Di sepoltura.

*


Ogni
Uccello
Ha il colore
Del sio grido

*




Trad. genseki



Friday, October 27, 2017

Malcolm de Chazal

Malcolm de Chazal

Tutti gli azzurri 
Infreddoliti
Si rannicchiano
Nel bianco

*

Il ghiacciolo
Nella cascata
Faceva 
Dello
Sci
Nautico

*

Le forme 
Del
Suo corpo
Erano
Il suo
Catechismo

*

Ella 
Vendemmiava
Seni.

*

Quando
Si preme
Il ventre
Del fuoco
La luce
Ride

*

L'occhio
Dorme
Quando
La bocca
Parla
Troppo.

*

Il getto d'acqua
Faceva
Esercizi
Per 
Dimagrire

*
L'occhio
Sottrae
E La bocca
Somma
Nella 
Noia

*

L'acqua
Morsa 
Dall'onda
Lancia
Uno striilo.

*

Quando
Passa
Il vento
Le erbe
Si sdraiano
Per fare
L'amore.

*

È 
Perché
Tutto
Abbia 
Un peso
Che 
Lo spazio
Non ne
Ha.

*

L'aqua 
Che
Buttarono
Nel
Fuoco
Ebbe
Una convulsione.

*

Solo
Il fuoco
Ha
Il potere
Di
Leccarsi
Gli
Occhi.
*

La bocca
Non
Dorme
Mai.

*

Se l'aria
Non
Diventasse
Farfallo
Come 
Potrebbe
La farfalla
Volare
Nell'aria?

*

Il mare
Quando piove
Crede di
Avere
Partorito
La spiaggia

*

Tutte 
Le caverne
Tossirono
Quell'inverno.

*

L'ultima 
Sensazione
Dell'impiccato
È
Che gli
Strappino
I piedi

*
:
Nulla v'è
Piú ovale
Di un frutto

:*

L'ombra 
È la valigia
Dello spazio

Trad. genseki