Thursday, April 21, 2011

Sofia Gubaidulina "De Profundis" part 2

Viaggio I

Il poeta

Aveva cercato di farcela con i suoi mezzi
Non gli mancava certo la testardaggine
Quella certa durezza occipitale che sparge
Schegge e scintille sul pavimento
Prima dei temporali quando il cielo
Si fa di bronzo e le prime gocce
Fanno oscillare le foglie del platano
Aveva vissuto a lungo in un giardino
Da bambino
La nonna ci viveva in camicia da notte
Aveva i capelli azzuri come la corrente elettrica
Lui la corrente elettrica la vedeva serpeggiare
Sotto la superficie delle pareti
Come le vene della nonna
Sulle sue mani
Gli interrutori erano rotondi e si giravano
Come una chiave
Aveva vissuto a lungo in un giardino
Con la nonna da bambino e poi vi nuotava
Come un pesciolino tra le dalie cinerine
Tra i cinerei crisantemi e tutti quei
Fiori grigi che avevano appena un bagliore di cobalto
Cercava di resistere di non perdersi di non divagare
Il poeta
Fino a raggiungere quell'altro giardino
Quello delle pietre
Il giardino
Spazzato senza pietà ogni giorno ogni notte
Dalla fitta spazzola del sole
Dalla spazzola di seta della luna
Il giardino delle ombre di ragno
Delle rose-fungo, delle rose micotiche
Delle viole della paura che non lascia pensare
Delle viole candelabri di oscenità
Il giardino senza fonti senza cristalli
Senza ombre senza uova senza battiti
Il giardino dal cuore spinoso
Dove le forme affiorano dall'ebollizione
Dello scoramento cercando sotto ogni ciottolo
La scolopendra pietosa il metro la misura
Insomma una musica possibile
Anche nel silenzio della dissoluzione
Il verso come una sequenza di passi
Su un suolo dapprima sabbioso
Poi sempre più solido
Con costanza con baldanza procede ora il testardo
Verso le onde verso la nausea
Attraverso il fluttuare dei volti
Lo aveva sempre saputo che ogni volto
È fornace, è stella è messa di ioni e gioconde
Molecole lampeggianti in fondo
Alle equazioni della singolarità
Volti che irradiano la speranza
Il dubbio vacillano esplodono
Aprono bocche e rughe
Pori come crateri e l'intimità
L'intimità sola possibile oltre il volto
Oltre la pelle il madore la peluria
L'intimità d'essere sempre l'altrove di ogni volto.
Signore dei volti chi ha cancellato il nostro?
Vi abbiamo rinunciato in nome della parola
Vi abbiamo rinunciato in virtù della parola
Per amore della parola vi abbiamo rinunciato
Al nostro volto di accordi di favilla
Di rugiada di seta di muco di polvere di farfalla
Di spine di velcro
O signore dei volti
Ad ogni attimo concedi il suo volto
Il nostro volto di ogni attimo
Il nostro volto di sempre e di nullamai
Di eternoniente di eone in eone
Volto ignoto incandescente spento
Volto che nostro ci accogli in spavento
Si aprono le porte del soffio al suo spasmo

genseki

Il caffe l'uovo fritto l'occhio

Il caffe l'uovo fritto l'occhio
Dolente. In sogno avevo vagato
Su un cammello
Nella foresta di asparagi
E c'erano tanti mazzetti fragranti
Tra le dita dei caduti
Mozzate dagli almogavari
Azzurrissimo l'orizzonte
Si schiudeva come una volta
Come una rosa
Sanguinavo da una ferita
Che si allungava dal pollice all'ascella
Inflittami da Prudenzia
Che portava la chioma alla basca
Poi mi accorsi che il banco era di zinco
Il caffe sfrigolava nel tegame
Le dita dei miei piedi
Si muovevano nelle mie scarpe
Con tutta la libertà del mattino.

**

genseki

Momento

Non volevo vedere dietro l'angolo
Tutte quelle code diritte, fameliche
Ridicole code pelose deodoranti
E i crampi delle pupille, per seguire
Il tuffo della mente oltre il cervello
Oltre i neurotrasmettitori e le loro passioni
Di transistor in un universo valvolare
Comunque non volevo vedere dietro l'angolo
Dove sibilavano come crotali villani
Dove le code imitavano i funghi
Goffamente come potevano anche il veleno
E la mosca ubriaca, si la mosca spiaccicata
Sulla porta della muscarina
Divinizzata nella sua povera immediatezza
Fino all'eternità del suo istante
Fino a esplodere nella totalità di uno scuotere di elitre
Senza un segmento di autocoscienza naturalmente
Minacciosa possibilità la vista si rovesciava
Come il dito di un guanto
Con un senso di uovo fresco di vomito
Dietro l'angolo sbrecciato
Dietro la porta abbiettamente sudicia
Dietro i mattoncini sporchi di salnitro
Dall'altro lato della vista e del vissuto
Sarebbe esplosa la mia paura di non morire
Il rituale di non desiderare
Nel tripudio di code e di lische
Mentre la faccia incontrava violentemente
Il selciato molto prima che gli occhiali
Sprizzassero verso la luna
Come gocce dementi di mercurio
E il Verde inondasse questo polo.

**

genseki

Calligranmma

Thesa
La Bella
Principessa gentile
È una bianca stella
Una stella giapponese
Thesa di Kyoto il piú divino fiore
E quando passa trionfante nel suo palanchino
Pare un tenero giglio un pallido loto pare
Strappato una sera d'estate dal giardino imperiale.

Tutti la adorano come una dea anche il Mikado
Ma ella passa tra loro indifferente
Nessuno mai l'amor suo ha goduto
Ella è sempre graziosa sorridente.
Ofelia giapponese
Che i cari fiori
Folle monella
Trionfante
Bacia.



Vicente Huidobro

Trad.genseki

Calligramma

Lezama Lima

Lezama Lima

La madre

Di nuovo vidi il volto di mia madre
Era una notte che pareva aver separato
La notte dal sogno.
La notte avanzava o si arrestava,
Come un coltello che pareggia i margini
Soffio di uragano,
Il sogno, tuttavia, non procede verso la sua notte.
Sentiva che tutto pesava verso l'alto,
Era dove parlavi, dove appena sussurravi,
Per le orecchie di un piccolo granchio,
Lo so bene, lo so perché vidi il suo sorriso
Che voleva giungere
Regalandomi questo animaletto,
Per vederlo camminare con grazia
O impanarlo in ardente farina.
La pannocchia matura come il dente di un bambino
Come una cassetta con formiche platinate
La similitudine della cassetta come una vipera,
Quella grande come un braccio, quella che trucciolo
Lingua nella sua estensione ripiegata, quella degli orologi
Vecchi, la temibile
E risibile cassetta parlante.
Percorreva i fili della porta,
Per cominciare a sentire, tappandomi gli occhi,
Sebbene lentamente non immobilizzava,
Che la parte restante pesava di più,
Con la leggerezza del peso della pioggia
O le persiane dell'arpa.
Il pubblico in cortile comprendeva
La luna completa e gli altri satelliti invitati.
Propizio, era e magico l'itinerario della sua consuetudine.
Ma il resto del corpo restava tra quanto su sottratto,
Come chi cominci a parlare,
Ritorni a ridere,
Però come si passeggia tra la porta
E chi altri resta,
Sembra che se en sia andato,
Ma è proprio allora quando torna.
Chi resta forse è Dio,
Meno son io,
A volte la raschiatura solare
E in esso forse a crepapelle, forse, l'io.
Al mio fianco l'altro corpo,
Respirando, non staccava lo sguardo
Dalla rocca della vuotezza sferica.
Venne riducendosi
A un metallo volante con i bordi
Assaliti dalla brevità delle fiamme,
All'evaporazione di una tazzina
Mattutina di caffé,
A un capello.

**

Lezama Lima
Trad. genseki

Tuesday, April 12, 2011

Lo scrittore lumpen

Considerazioni si Bolaño


I romanzi e i racconti di Bolaño in una certa misura rappresentano l'irruzione del punto di vista del sottoproletario, del "lumpen" nel mondo della letteratura. Anzi del sottoproletario e del "lumpen" di quello che fino a pochi anni fa era il terzo mondo.


Questa irruzione è possibile perché il territorio della letteratura comincia a non essere più presidiato dai rappresentanti, degeneri, delle classi dominanti che fino ad ora se eneerano incaricati.


In effetti non ci sono quasi più rappresentanti degeneri delle classi dominanti, tutti sono ormai solidali e omogenei al visione del mondo del frammento sociale in cui la sorte gli ha fatti nascere.


Lo scrittore, come Bolaño stesso fa dire a uno dei personaggi de “Los detectives salvajes” era uno che si ribellava contro la sua classe di provenienza. Il fatto di essere scrittore, il fatto puro e semplice era la colpa e l'esilio la pena per questa inespiabile colpa.


Lo scrittore sottoproletario scrive per integrarsi nella classe dominante, quello del terzo mondo di allora, inoltre, anche per potere entrare in Europa con i documenti in regola. La letteratura è una marca di confine che le convulsioni del capitalismo nella fase della sua suprema degenerazione affermazione ha lasciato libera dalle guarnigioni. Lo scrittore "lumpen" vi penetra con il suo sguardo avidamente "lumpen", con la sua laboriosità affannosa, con i suoi modi che possono a volte apparire piagnucolosi e teneri. Lo scrittore "lumpen" si muove spesso come un cucciolo. Lo scrittore l"umpen" è cosmopolita, non appartiene a una tradizione, combina i frammenti disordinati dei libri che propone il mercato editoriale, letti avidamente, ma che sono comunque libri-merce, non libri-opera. Qui appare evidente la differenza con Rimbaud. Rimbaud era di razza contadina. Rimbaud è il prodotto di un testardo radicamento di una stirpe su di un territorio, la sua rottura, la sua ribellione può essere così violentemente tellurica, può scuotere la poesia dalle sue fondamenta, proprio perché irrompe dalle viscere del tempo e della tradizione e en rende incandescenti i frammenti come un vulcano con lapilli e lava. Bolaño è il prodotto di un collasso, è nato dentro un esodo, le sue radici sono immaginarie, la sua ribellione ha la consistenza di una bolla di sapone, la sola intimità possibile è, per lui il sesso vissuto con indifesa tenerezza.


genseki

Don Ciopo

Don Alàmo detto Ciopo

Tra i condiscepoli di Dreiser Cazzaniga negli anni spensierati del'infanzia studiosa del Barrio di Briggio uno merita distinta menzione vuoi per una speciale ossessione che negli sparsi frammenti memorialistici di Dreiser Cazzaniga egli pare aver nutrito nei suoi confronti, vuoi per la spettacolare carriera e il successo che sempre premiollo facendo di lui come l'opposto dialettico di Dreiser Cazzaniga.
Il piccolo Alàmo, fin dalla sua primissima infanzia aveva dato prova di una singolare certezza di vocazione: voleva essere presbitero, poi obispo e infine se possibile pontefice. Dreiser Cazzaniga come si sa era un ghibellino e nei suoi scritti le dignità ecclesiastiche son sempre, rigorosamente scritte con la minuscola. Così, essendo ancor picciol fantino occorreva che tutti si abituassero a chiamarlo Don Alàmo e non Alàmo, dapprima con una sorta di diverita tenerezza che sbocciava negli animi di chi vedeva questa ingenua creatura accarezzarsi le mani torcendole come un monsignore avezzo a tutte le sottigliezze della casuistica, sollevare con gesto sicuro e umile un pezzettino di cartone tagliato come un'ostia simulando la cerimonia della consacrazione, distribuire immagine di santi e sante in cambio di quelle dei calciatori:
San Gennaro, San Crispiniano, San Gamal e San Ghinaccio (protettore dei macellai del barrio di Briggio noto anche come San Guinaccio) in cambio di Sentimenti IV o Cuccureddu.
Quando gli altri monelli si dedicavano a percorrere i campi che tracciavano i margini del barrio armati di fionde rimediate, in bellicose bande dalle ginocchia spellate e dalle camicie sudice per rubare ciliege o bietole o per scontrari in battaglie la cui posta solo era l'onore con bande di altri Barrios egli li seguiva inalberando una gran croce di rami e biascicando pater e rosari. Il soprannome di Ciopo gli veniva da un avolo suo: il Cioppo che era l'unico confratello della un tempo venerabile confraternita dei battuti verdi. Dreiser Cazzaniga ricordave la grassissima sua figura trascinarsi dietro la processione del santo patrono dei bigliai di Briggio o del Corpus Domini inalberando fieramente un immenso stendardo verde in cui si vedeva distintamente il cane che fissava la piaga che si apriva rosa appena sopra il ginocchio del santo che a sua volta inalberava uno stendardo su cui era dipinto un agnello che era sormontato da un altro stendardo ancora, bianco questa volta e diviso in quattro parti ineguale da un croce rossa. Come avvenne poi che Don Alàmo ereditasse dal Cioppo il nomigliolo privato di una consonante Dreiser Cazzaniga non lo sapeva o se lo sapeva non lo volle scrivere da nessuna parte, quello che è certo che Don Alàmo era comunemente conosciuto nel barrio con il nomigliolo del nonno ma scempio.
L'adolescenza di Don Alàmo detto il Cioppo si rivelo' come il frutto ancora acerbo del fiore della clericatura che fu la sua infanzia, il Cioppo cresceva in sordida doppiezza e maldicenza, vischiosa irrequietezza e una tendenza a portare lo sguardo e l'interesse suo su tutto quanto eravi di torbido e morboso ascoso nel barrio di Briggio.
Soleva conquistare la fiducia di ingenui giovanotti briggiani, figli di forti bigliari adusi al vino rosso, al gelo sulle guance e alle sane scazzottate il sabato al ballo per insinuare nelle loro elementari coscienze il germe della corruzione che egli aveva poi cura di educare e una volta che la putrefazione morale era conclamata tradiva l'amico suo svergognandolo in pubblico con accesa veemente indignazione. Leggeva e copiava i diari segreti delle compagne di corso, frugava nella biancheria sporca dei compagni di campeggio, apriva lettere d'amore confidate alla sua discrezione, si ritorceva le mani, il suo sorriso era sempre stanco e dolce, lo sguardo obliquo, camminava a passettini, si esprimeva con sudiata melliflua lentezza, tra tutti coloro che lo circondavano più intimamente diffondeva con pazienza germi di discordia e sospetto.
Con queste capacità prosperò rapidamente nel Santo Collegium in cui si formavano i presbiteri di Briggio, non tanto grazie alla sua conocenza delle scritture o all'eleganza del suo latino ma alla pratica costante della delazione, di cui presto divenne un autentico cesallatore. Una volta ordinato con splendida pompa e gloriosa procesione per le vie del barrio decorate di fronde fragranti di castagno e casti mazzolini di fresche rose di campo Don Ciopo subito diresse i suoi passi verso il Soglio. Non ebbe nemmeno la molestia di passare qualche mese in una lontana parrocchia montana, o di coadiuvare un vecchio presbitero maniaco nei suoi doveri quotidiani allo scopo di provare la solidità della sua fede nell'ordine. No subito oltrepasso la porta e si installò nello splendore. La rapidità della sua ascesa fu causa di orgoglio immenso per i briggesi, anche per i più ghibellini fra di loro, e a tal segno crebbe l'entusiasmo che in Briggio si finì per credere come cosa certa che Monsignor Ciopo presto sarebbe salito al Soglio Supremo. Egli, intanto, percorreva con passo celere e sicuro la strada maestra della gloria: Monsignore, Obispo, Principe, Nunzio, Archimandrita, Nunzio nelle lontane contrade della noce moscata e della cannella da cui tornava al barrio per brevi visite alla madre. La madre non sembrava gradire particolarmente queste visite. Don Ciopo appariva nel barrio con immense limusine bianche e gialle, che profumavano di incenso e di limone. Solerti giovani previtarielli avvolti nei panneggi semplici di ampie tuniche bianchissime aprivano lo sportello, estraevano dal baule interminabili quantità di bagagli dalla fogge sovente peregrine, si inginocchiavano e segnavano benedicenti come in un balletto imparato a memoria. I loro occhi sottili erano impenentrabili, un sorriso impercettibile curvava le loro labbra strette strette, grige sulla pelle color rame del volto. Poi tutti scomparivano sotto la spessa vegetazione della Villa del defunto Monsignor Pistolotti, Vescovo libertino e pistolero, che nel secolo passato fu baluardo contra i ghibellini e gli averroisti con il suo schioppo e la sua verga e nella quale Don Ciopo soleva alloggiare in queste sue brevi visite al Barrio. I pii briggesi sussurravano di orge sacre sotto i grandi cipressi, di cerimonie blasfeme e ancor più profondamente andavano convincendosi della predestinazione che segnava la vita di Don Ciopo: egli sarebbe stato Pontifex!
Dreiser Cazzaniga lo disprezzava con furia rabbiosa, con cupa disperazione, avrebbe voluto sputargli sulla faccia, e quando lo incrociava per caso, Don Ciopo lo salutava torcendosi le mani; con uno sguardo dolce e umile andava interessandosi della sua salute, della sua famiglia e della sua carriera e Dreiser Cazzaniga rispondeva alla di lui paterna sollecitudine con lo sguardo basso, la voce flebile, come un seminarista sopreso dal prevosto con le mani sotto la tonaca e il suo cuore ribolliva come un bracere di mercurio. Monsignor Ciopo era una bestia perversa, un drago di iniquità, ma quello che Dreiser Cazzaniga non giunse mai a comprendere fu che la Iglesia lo innalzava per far capire come la sua santità non dipenda dalle persone che la compongono ma dai meriti del Sangue che il Suo Divino fondatore versò per tutti noi poveri peccatori.


**

genseki