Wednesday, May 15, 2013

Canzone erronea

Canzone erronea è il titolo dell'ultimo libro di Antonio Gamoneda. È un libro sulla vecchiaia. La traduzione èe di genseki.

*

Amo il mio corpo
Con le sue vertebre ...
Da acciai viventi, le cartilagini
Strinate, il cuore leggermente umido
I miei capelli impazziti
Nelle tue mani.
                        Amo anche
Il mio sangue solcato da gemiti.

Amo la calcificazione e la malinconia
Arteriale e la passione del fegato
Che ribolle nel passato e le squame
Delle mie palpebre fredde.

Amo lo stame cellulare, le feci
Bianche alla fine, l'orifizio
Dell'infelicità. i midolli
Della tristezza, gli anelli
Della vecchiaia e l'influenza
Della tenebra intestinale.
                       
                                         Amo i circoli
Unti del dolore e le radici
Dei tumori lividi

Amo questo corpo vecchio e la sostanza
Della sua miseria clinica.
                                        L'oblio
Dissolve la materia pensante
Di fronte alla grandi vetrate
Della menzogna.
                          Tutto è ormai deciso

Non c'è causa in me. C'è solo
Stanchezza e
Un antico smarrimento:
                                      passare
Dall'inesistenza
All'inesistenza.
                        È
Un sogno.
                Un sogno vuoto.

Eppure accade.
                 Amo
Tutto quello che ho creduto
Vivente in me.
                 Amai le mani
Grandi di mia madre e
Quel l'antico metallo
Dei suoi occhi e quella
Stanchezza gonfia di luce
E di freddo.

                  Disprezzo
L'eternità.
                     Ho vissuto
E non so perché.
                          Ora
Devo amare la mia propria morte
E non so morire.
                          Che equivoco.
                     

*
Post a Comment