Monday, May 16, 2016

Kennet Rexroth


Piú tardi quando nell'acqua gaia
Esplose il loto rosso, e il verde perfetto
smaltó alberi ed erba, “io solo, competamente solo,
galleggiando” restai pensoso sull'acqua dello stagno.
Quando il sole basso penetró coi raggi cremisi
gli interstizi del loto splendente; cosciente
del giungere, nella profondita degli anni, di un tempo
in cui queste lagune questi alberi scuri
lo specchio scorrevole di questo crepuscolo su cui navigammo
saranno spazzati da un'onda gigante fuori dalla memoria
in una pomeriggio normale, ancora lontano -

immensa, in vertigine e orrore.

trad. genski
Post a Comment