Friday, February 20, 2015

Quiete


Mi dissi: andró in cerca di ció che è umile
E sará dove
Metteró le radici della mia identitá:
Tutto i giorni mi sveglieró
In prossimitá di ció che é umile,
Un centro focale un promemoria appropriato,
Una misura per il mio significato,
La voce grazie alla quale saró ascoltato,
La volontá e il tipo di egoismo
Che potrei
Liberamente adottare come propri:

Ma pur avendo cercato ovunque,
Non posso trovare proprio niente
A cui abbandonarmi:
Tutto è

Magnifico nell'esistenza, tutto è
All'apice della gloria:
Nulla è umiliato
Nulla ho potuto umiliare:

Dissi: che cosa è piú umile dell'erba?
Ah, lá sotto, ecco
Una corteccia di muschio secco come bruciato:
E dissi; ecco dove posso porre la mia dimora; ma
Mentre mi annidavo
Incontrai sotto la superficie grigiastra
Meccanismi verdi troppo complessi per l'intelletto
Che speravano di rinarscere con la pioggia; allora mi alzai

E corsi esclamando che non vi è nulla di umile nell'universo:
Incontrai un mendicante
Con ceppi al posto delle gambe: nessuno lo considerava
Degno della minima attenzione: tutti passavano senza guardare:
Mi annidai e trovai la sua vita:
L'amore scosse il suo corpo come una devastazione
Dissi
Anche se ho cercato dappertutto
Non vi è nulla di umile nell'universo:

Passai dall'alto in basso attraverso
Le trasfiguarazioni della grandezza, della forma e dello spazio:

In punto improvvisamente giunse la quiete,
Che meravigla:
Muschio, mendicante, cespugli, zecche, pino, io che magificenza
L'essere!

A. R Ammons

De The Selected Poems: 1951-1977, Expanded Edition

Trad genseki

Post a Comment