Wednesday, April 03, 2013

Cintio Vitier

Qualcosa manca alla sera,
I pini non sono completi
E io guardando le nubi
Provo ciò che mai provai.

Ad ogni istante domando
Di quel tesoro perduto
L'ombra del quale trascorre
Con melanconico freddo.

La brama mi sta spiando
Notturna, sola, infinita;
Silente va nostalgia
Bruciando eterni vestigi.

Il mio gesto mai non giunge
Alla terra del destino;
La vita resta incompiuta,
Restano i sogni in sospeso.

**



Perché tale è il volto del fallimento
Che lo specchio riflette ciecamente
Prima che giunga, dolce e demente,
L'ultimo scintilla dell'occaso:

Fronte dell'ossessione e del rifiuto
Occhi che solo videro l'indomito
Naso che chiude l'aria, bocca assente
Nel suo sapore amaro; strana coppa

Sul punto di mutarsi in puro osso
Perché tale è lo scopo tal la cenere
La cui dolce tempesta tutto strappa,

Volli lasciare di lettere un ramo
Che bruciasse di più dove la brezza
L'aridità prosciuga, ride e passa.

*

L'aria

Si, sono desto, ecco sto guardando
Freddamente alcune cose
Che smettono ormai d'esser segrete.
Stanno qui, come gli alberi
Nell'aria nuda. Si, sono desto.
Anche la casa della mia infanzia è degli altri:
La hanno dipinta con un colore troppo vivace,
Entrano ed escono dalle stanze della mia anma,
Parlando d'altro. La luce invade il cortile
Dei miei nulla segreti. Con desiderio contemplo
Anche questo volto che è nessuno
Che giunge come un uccello ferito
Di quelli che soffrono e sorridono.
O popolo innumerevole! Sono sveglio
Guardando la polvere bagnata di luce,
Le tenebre dissolte in aria
Quando la verità comincia a delinearsi:
L'albero, l'allegria, il sacrificio.
E so che ho ancora altri ricordi nel sangue
Oltre quelli che posso ricordare, e più oblio
Di quanto se ne possa dimenticare in questo mondo.
Ma alla fine, che importa, se la metà
Di quella vita mi lascia e cade,
Se tanto sonno, infine, si è destato,
Se non v'è luogo che non mi stia osservando
Né istante ove il caso non mi frequenti.
Voglio essere come te, O volto dei poveri!,
Misteri del dolore e del sorriso, perché l'aria,
L'aria semplice e vuota,
Ci colmerà le voci di speranza

Cintio Vitier
Trad. gensek

Post a Comment